Dibattito

Lascia un commento!

Dibattito

by |Published On: 28 Gennaio 2024|Categorie: news|28 Commenti on Dibattito|

Falla girare!

28 Comments

  1. Carmen 28 Gennaio 2024 at 00:50 - Reply

    Non sai che ti perdi 😂😂😂😂😂

  2. Doc Brown 28 Gennaio 2024 at 00:58 - Reply

    Si

  3. Carmen 28 Gennaio 2024 at 00:58 - Reply

    ….e spesso è un riso amaro….

  4. Ammazzalavecchiacolgas 28 Gennaio 2024 at 06:52 - Reply

    Vostra Squartiloquenza, vi abbiamo riconosciuto. Non cercate scuse e cacciate il guiderdone.

    • Alessandra 00 28 Gennaio 2024 at 09:41 - Reply

      Ahahahahahahah
      oppure Dibla che non ci arriva davvero..
      Dibla scherzo, tvb! quasi quanto al vignettista incompreso

  5. Leonardo 28 Gennaio 2024 at 07:52 - Reply

    “È solo una vignetta satirica”disse Laura/Alice “Ma insegna molte cose” rispose Leonardo Pinco Panco, “Forse per le ostriche” chiosò Laura/Alice

  6. Maybe 28 Gennaio 2024 at 08:14 - Reply

    Diciamo che se Nat non ci piazza un ‘sti cazzi o qualche espressione romanesca richiede un minimo di riflessione. Suggerisco di piazzare prima della vignetta una segnalazione: no romanesco per indicare quelle più difficili.

  7. drantonialini 28 Gennaio 2024 at 09:07 - Reply

    A Laura che suppone di essere”scema”.
    La vignetta è stupenda.Farebbe anche piangere a dire il vero. Ma va vista con ironia la giustificazione arrogante che chi aggredisce deve essere sempre considerato Vittima legittimata a difendersi massacrando.
    Il problema è quello di identificare i significati dei paradossi della vignetta.
    In questa , il giorno della memoria che ricorda la liberazione dei prigionieri di Auschwitz , viene invece ricordata dai soldati israeliani, mentre sparano sui palestinesi di Gaza, come reazione alla violenta ribellione di Hamas Sette ottobre 23, attuata per impedire la ratifica dell assegnazione territoriale prestabilita dai sionisti, a danno dei palestinesi.

  8. Cosimo Epicoco 28 Gennaio 2024 at 09:10 - Reply

    Gentile tesoro a volte non fanno ridere neanche a me; ma solo perché non c’è niente da ridere! Ma se le capisco io certissimamente le capisci anche tu.

  9. luisaintermite 28 Gennaio 2024 at 09:21 - Reply

    Concordo con Cosimo. A volte non fanno ridere perché non c’è niente da ridere, solo da riflettere. L’importante è che lascino il segno.

  10. Marti 28 Gennaio 2024 at 09:36 - Reply

    Cara Laura…forse la prima che hai detto!

  11. Alessandra 00 28 Gennaio 2024 at 09:36 - Reply

    Si faccia una domanda e si dia una risposta. (cit.)

  12. sgrunt 28 Gennaio 2024 at 09:54 - Reply

    Spiegone: (cit.)
    quelle che fanno ridere non ti fanno ridere e quelle che fanno riflettere non le capisci.

  13. drantonialini 28 Gennaio 2024 at 10:06 - Reply

    Tutti i genocidi sono da condannare

  14. Claudia 28 Gennaio 2024 at 10:44 - Reply

    Cara Laura, quando le capirai sarà troppo tardi

    • Laura&già Laura 28 Gennaio 2024 at 10:56 - Reply

      Meno male che ho cambiato pseudonimo! 😄
      Di fatto, cara omonima, una vignetta è come un articolo di giornale. Fare satira non è uguale a fare comicità. Non si fa satira per far ridere. Si mettono in ridicolo atteggiamenti, situazioni eventi , non si disegna per divertire. Ma perché a volte, senza tante parole, un disegno arriva più rapidamente e direttamente al cuore e dice molto di più in modo immediato.
      “Ti faccio un disegnino, così capisci meglio”. Natangelo non è un comico e nemmeno un barzellettiere.
      Questio, forse, l’equivoco in cui sei caduta.
      E il motivo per cui io, e non sono l’unica, lo apprezzo.

      • Claudia 28 Gennaio 2024 at 11:23 - Reply

        Non sono d’accordo.
        La risata stimolata dal sarcasmo e dall’ironia è la chiave per fare abbassare le barriere censorie e permettere l’accesso a messaggi che altrimenti sarebbero rifiutati o ignorati.
        Questo perché la risata è accompagnata dalla gratificazione di aver compreso una situazione paradossale

  15. Alfonso Senatore 28 Gennaio 2024 at 11:06 - Reply

    Purtroppo la satira richiede una buona cultura ed un’ informazione approfondita per cogliere tutte le sfumature di una qualsiasi gag-vignetta o qualsiasi altra forma di espressione satirica. Il mai troppo compianto Satiricon di Luttazzi era a volte (forse sempre) molto pungente e volgare ma sempre senza sconti e timori reverenziale, per questo scomparso prematuramente

  16. Mauretto 28 Gennaio 2024 at 11:24 - Reply

    Forse la prima che hai detto… sforzati un po’!

  17. Cosimo Epicoco 28 Gennaio 2024 at 11:31 - Reply

    Laura & Laura il tuo commento è da 110 e lode!

  18. Dario-Gaga 28 Gennaio 2024 at 15:58 - Reply

    che bravi: vi ricordate la coppia -Lollobrigida De Sica-nel film “pane amore e ferrovia”?

  19. Gabriella Galeotti 28 Gennaio 2024 at 18:03 - Reply

    Senza offesa, giusto per rispondere alla tua domanda…. sì,sei scema.

  20. Jo 28 Gennaio 2024 at 19:35 - Reply

    Non credo affatto che tu sia scema, penso solo che ognuno ha il diritto di interpretare e di trovare i lavori di Natangelo più o meno in linea con le proprie idee. Per me le sue ‘vignette’ sono estremamente lucide ed appropriate, concordo con chi scrive che la satira deve essenzialmente far riflettere, e se ci riesce anche facendo ridere meglio ancora. Detto questo, ad es. per me “Cacca Laurentia” è semplicemente geniale…. Buon lavoro, Nat, avanti tutta!!

  21. Patrizia 28 Gennaio 2024 at 21:16 - Reply

    Direi la prima. Nat è geniale.

  22. Lidia 28 Gennaio 2024 at 21:49 - Reply

    Per me sei irresistibile

  23. Luigi Rodini 28 Gennaio 2024 at 23:51 - Reply

    La prima…

  24. a 29 Gennaio 2024 at 13:07 - Reply

    “e/o” mi ha fatto sganasciare dalle risate.

  25. Kosbifin 8 Febbraio 2024 at 15:36 - Reply

    Una blasfemia degna dell’Inquisizione

Dimmi la tua

Ultimi post