news

Home»Articoli»news

“vaccinista”

Lascia un commento!

Lasciando perdere l’analisi imprecisa, che un leghista – un leghista! – mi dia del ‘vaccinista’ (è un nuovo insulto?) mi sta anche bene. Ma darmi del piddino è veramente sciatto.

Di |2022-01-19T11:35:27+02:0019 Gennaio 2022|Categorie: news|6 Commenti

Oggi in edicola

Lascia un commento!

Vi ricordate ’10 giorni a gennaio’, il diario del Covid che ho pubblicato le scorse settimane?
Oggi in edicola con Il Fatto Quotidiano c’è l’undicesimo giorno, la tavola che completa il racconto dell’esperienza da positivo. Il titolo è molto soft: “il greenpass non serve a un cazzo”. Scoprite il perchè oggi in edicola: è una storia magnifica.
Ovviemente, una storia vera.

Di |2022-01-15T12:18:47+02:0015 Gennaio 2022|Categorie: news|4 Commenti

Sette anni fa, oggi

Lascia un commento!

Sette anni fa, oggi, la mattanza di Charlie Hebdo. Approfittando del Covid sto risistemando lo studio e sono usciti tanti ricordi di quel giorno, e del giornale che era, di quel poco che ci ho avuto a che fare da autore e molto da lettore. Che poi sono le storie che metto in fila nel libro dall’emblematico titolo.
Intanto, Santè.
#charliehebdo

Di |2022-01-07T21:33:17+02:007 Gennaio 2022|Categorie: news|11 Commenti

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – puntata 5

Lascia un commento!

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – introduzione

 

Clicca qui per ordinare il libro

A fine settembre 2021 ho dato alle stampe un libro dal pretenzioso titolo “i peggio stronzi – la mia guerra quotidiana tra satira, giornalismo e politica” (Piemme editore) (lo trovate in tutte le librerie e se non avete librerie nei dintorni anche a questo link  su amazon). Non si tratta di un libro disegnato ma di un libro (non so in che altro modo definirlo) ‘scritto‘: in pratica, non c’è nemmeno una vignetta, un’immagine, un santino, uno scarabocchio. Niente! Parole dietro parole su parole.
Nelle 230 pagine date alle stampe spesso descrivo vignette, anche non mie, che sarebbe stato utile al lettore poter vedere stampate. Quindi ho pensato di raccoglierle ora qui: una gallery a puntate – capitolo per capitolo – di tutte le vignette di cui racconto nel libro. Così da aiutare chi lo ha letto e magari far venire voglia di leggerlo a chi ancora non lo ha fatto.
Se avete letto il libro e vi è piaciuto fate passaparola, lasciate recensioni in giro (qui su amazon, se volete), regalatelo per natale a chi vi sta simpatico o vi sta sul culo. Io non ci guadagno niente, sia chiaro: le mie quote sulle vendite sono francamente ridicole nè campo con i libri. No.

Facciamolo per guastare il natale alla gente.

E, adesso, via alla gallery. A questo link potrete trovare tutte le puntate, via via che saranno caricate.

Un’avvertenza importante: questa raccolta è per chi ha letto o sta leggendo il libro, per gli altri può risultare difficile cogliere il filo che lega le vignette tra loro. Altra avvertenza, per i lettori: molti lamentano che nella versione kindle le note al testo – che andrebbero lette “contestualmente al testo” e sono la parte più importante del libro – sono spostate alla fine di ogni capitolo, rendendone difficile la lettura. Regolatevi.

 

Puntata 5 – Non si salva nessuno

Se qualcuno cominciava ad avere il sospetto che in questo libro (che, vi ricordo, potete trovare in tutte le librerie o ordinarlo online a questo link) si parlasse male – malissimo – di ogni partito politico o giornale ma si facessero salvi gli autori satirici, eccolo smentito. La puntata di oggi, in cui si intrecciano molto satira e politica, raccoglie tutte le vignette e le immagini di cui parlo in “Siamo fatti di stelle”, il quinto capitolo del mio libro “I Peggio Stronzi” (qui il link per ordinarlo, per voi o per chi vi sta sul cazzo). Per il titolo se la giocavano “Figli delle stelle” di Alan Sorrenti e “we are all made of stars” di Moby. Ovviamente ha vinto Moby, ma ho preferito tradurlo per venire incontro ad Amato Padre che non mastica l’inglese. Cosa molto importante: se non avete ancora letto questo capitolo, non proseguite nella visione della gallery perchè c’è uno spoilerone mortale. Capito?

Lo ripeto: prosegua nella visione della gallery solo chi ha già letto il capitolo 5 del libro, altrimenti è SPOILER. (altro…)

Di |2021-12-15T13:02:04+02:0015 Dicembre 2021|Categorie: news|Tag: |3 Commenti

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – puntata 4

Lascia un commento!

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – introduzione

 

Clicca qui per ordinare il libro

A fine settembre 2021 ho dato alle stampe un libro dal pretenzioso titolo “i peggio stronzi – la mia guerra quotidiana tra satira, giornalismo e politica” (Piemme editore) (lo trovate in tutte le librerie e se non avete librerie nei dintorni anche a questo link  su amazon). Non si tratta di un libro disegnato ma di un libro (non so in che altro modo definirlo) ‘scritto‘: in pratica, non c’è nemmeno una vignetta, un’immagine, un santino, uno scarabocchio. Niente! Parole dietro parole su parole.
Nelle 230 pagine date alle stampe spesso descrivo vignette, anche non mie, che sarebbe stato utile al lettore poter vedere stampate. Quindi ho pensato di raccoglierle ora qui: una gallery a puntate – capitolo per capitolo – di tutte le vignette di cui racconto nel libro. Così da aiutare chi lo ha letto e magari far venire voglia di leggerlo a chi ancora non lo ha fatto.
Ancora due parole sul libro: non è un libro che si è fatto molti amici, com’era prevedibile quando cucini un polpettone avvelenato in cui non si salva nessuno (nemmeno io stesso, credo). Per cui se avete letto il libro e vi è piaciuto fate passaparola, lasciate recensioni in giro (qui su amazon, se volete), regalatelo per natale a chi vi sta simpatico o vi sta sul culo. Io non ci guadagno niente, sia chiaro: le mie quote sulle vendite sono francamente ridicole nè campo con i libri. No. Facciamolo per guastare il natale alla gente.

E, adesso, via alla gallery. Potrete trovare tutte le puntate, via via che saranno caricate, a questo link.

Un’avvertenza importante: questa raccolta è per chi ha letto o sta leggendo il libro, per gli altri può risultare difficile cogliere il filo che lega le vignette tra loro. Altra avvertenza, per i lettori: molti lamentano che nella versione kindle le note al testo – che andrebbero lette “contestualmente al testo” e sono la parte più importante del libro – sono spostate alla fine di ogni capitolo, rendendone difficile la lettura. Regolatevi.

 

Puntata 4 – Oltre le gambe c’è di più

Ecco qui: In questa puntata raccogliamo le vignette e le immagini del capitolo 4, intitolato “Una politica in gamba”. L’immagine che ho scelto per il ritratto credo dica molto del tema di cui parleremo, quindi direi di passare direttamente alle immagini. (altro…)

Di |2021-12-12T18:18:10+02:0012 Dicembre 2021|Categorie: news|Tag: |3 Commenti

(ieri) in edicola!

Lascia un commento!

Grazie Il Quotidiano del Sud per queste due belle pagine dedicate al mio lavoro e al mio ultimo libro, “I peggio stronzi”. E grazie a Davide Occhicone per l’intervista!

Di |2021-12-10T17:08:02+02:0010 Dicembre 2021|Categorie: news|4 Commenti

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – puntata 3

Lascia un commento!

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – introduzione

 

Clicca qui per ordinare il libro

A fine settembre 2021 ho dato alle stampe un libro dal pretenzioso titolo “i peggio stronzi – la mia guerra quotidiana tra satira, giornalismo e politica” (Piemme editore) (lo trovate in tutte le librerie e se non avete librerie nei dintorni anche a questo link  su amazon). Non si tratta di un libro disegnato ma di un libro (non so in che altro modo definirlo) ‘scritto‘: in pratica, non c’è nemmeno una vignetta, un’immagine, un santino, uno scarabocchio. Niente! Parole dietro parole su parole.
Nelle 230 pagine date alle stampe spesso descrivo vignette, anche non mie, che sarebbe stato utile al lettore poter vedere stampate. Quindi ho pensato di raccoglierle ora qui: una gallery a puntate – capitolo per capitolo – di tutte le vignette di cui racconto nel libro. Così da aiutare chi lo ha letto e magari far venire voglia di leggerlo a chi ancora non lo ha fatto.
Ancora due parole sul libro: non è un libro che si è fatto molti amici, com’era prevedibile quando cucini un polpettone avvelenato in cui non si salva nessuno (nemmeno io stesso, credo). Per cui se avete letto il libro e vi è piaciuto fate passaparola, lasciate recensioni in giro (qui su amazon, se volete), regalatelo per natale a chi vi sta simpatico o vi sta sul culo. Io non ci guadagno niente, sia chiaro: le mie quote sulle vendite sono francamente ridicole nè campo con i libri. No. Facciamolo per guastare il natale alla gente.

E, adesso, via alla gallery. Potrete trovare tutte le puntate, via via che saranno caricate, a questo link.

Un’avvertenza importante: questa raccolta è per chi ha letto o sta leggendo il libro, per gli altri può risultare difficile cogliere il filo che lega le vignette tra loro. Altra avvertenza, per i lettori: molti lamentano che nella versione kindle le note al testo – che andrebbero lette “contestualmente al testo” e sono la parte più importante del libro – sono spostate alla fine di ogni capitolo, rendendone difficile la lettura. Regolatevi.

 

Puntata 3 – L’urlo

 

Il terzo capitolo de “i peggio stronzi” si intitola “Morto che vota” ed è incentrato sulla tragedia di Rigopiano. E’ stato facile scegliere il personaggio a cui dedicare il ritratto della gallery. Più difficile è stato rimettere in fila il mix di querele e balle, incredibili balle, che in quei mesi sono state sparate a destra e manca (più a manca). Ma veniamo alle immagini citate nel testo. (altro…)

Di |2021-12-09T12:33:24+02:009 Dicembre 2021|Categorie: news|Tag: |2 Commenti

Una guida turistica dell’orrore

Lascia un commento!

Da Il Fatto Quotidiano del 23 novembre 2021.

I luoghi hanno una memoria. Gli eventi e le vite che li hanno riempiti – felicemente o tragicamente, nel corso di anni o secoli – si imprimono sulle pareti lasciando aloni, si infilano negli stipiti delle porte che poi si aprono da sole, impregnano le assi dei pavimenti che scricchiolano nel silenzio della notte, riempiono gli angoli delle soffitte acquattandosi dove non arriva la luce: eccoli, i posti raccontati nell’Atlante dei luoghi infestati edito da Bompiani (potete ordinarlo qui), ultimo arrivato nella collana di Atlanti Illustrati che conta tra gli altri l’Atlante dei luoghi misteriosi d’Italia, l’Atlante delle isole remote e l’Atlante dei luoghi maledetti. Una guida turistica del terrore, con tanto di coordinate geografiche: mancano solo i consigli su dove mangiare nei dintorni, ma sarebbero fuori luogo perché con questo atlante non si scoprono i piaceri di qualche Capitale europea, ma le leggende inquietanti nascoste dietro cinquanta posti sparpagliati nel mondo. Quindi o mettete una buona dose di coraggio in valigia o questo libro non fa per voi. Per esempio: c’è una casa sulla collina di Montecristo, in Australia, in cui ancora si aggira la presenza della prima proprietaria, morta da sola e in preda al delirio religioso. E c’è una cascata, in Colombia, maledetta dal sangue degli indios che vi trovarono la morte al tempo dei Conquistadores: proviamo a scoprire che fine ha fatto l’Hotel del Salto costruito su quella sponda nel 1923? E poi c’è una canonica, nel profondo nord della Svezia, tra i boschi e un piccolo cimitero, sotto il cui tetto si sono susseguite così tante morti e violenze da renderla tutt’oggi inabitabile per i vivi. Ci passereste una notte? (Chi vi scrive ci ha provato davvero, qualche anno fa. Esperienza sconsigliabile)(clicca qui per leggere il mio resoconto). Ad accompagnare i capitoli ci sono le tavole di Daria Petrilli, illustratrice elegante ed eterea, che più che disegnare il terrore lo suggerisce con trasparenze e leggere sovrapposizioni. Ai testi c’è invece Giulio D’Antona: sceneggiatore per Topolino, poi corrispondente da New York per varie testate, poi produttore di alcuni dei più acclamati standup comedians italiani e traduttore della scrittrice statunitense Fran Lebowitz (imperdibile su Netflix in Fate finta che sia una città). Da dove gli venga – o, meglio, dove la tenesse nascosta – questa enciclopedica conoscenza dell’orrore non lo sappiamo, ma quello che conta è che l’abbia condivisa. E che abbia deciso di non fermarsi: la prossima tappa sarà Roma, a suo dire piena di spettri. I turisti dell’inquietudine sono avvisati.

Di |2021-12-07T16:54:55+02:007 Dicembre 2021|Categorie: news, recensione|0 Commenti
Torna in cima