La rana e lo scorpione

Lascia un commento!

rana-e-scoprione-web.jpg

La rana e lo scorpione – #satira #favola #natangelo #rana #scorpione
Edit: siccome molti perdono il collegamento, rispondo a tutti quanti negli ultimi tre giorni mi hanno detto la loro (con toni coloriti o riflessioni assennate, con stima o con disprezzo) su questa storia quihttp://www.giornalettismo.com/archives/2636024/vignetta-fatto-stupri

by |Published On: 20 Ottobre 2017|Categorie: nat show, tavola|tag = , , , |12 Commenti|

12 Comments

  1. Luciano Botti 20 Ottobre 2017 at 14:17 - Reply

    mai visto uno scorpione cosi’ brutto! Per punizione visionare tutte le cassette de’L’amico degli animali’ con Angelo Lombardi; non ricordo se c’erano scorpioni, ma di sicuro tante altre bestie da visionare; in alternativa, gli 8000 documentari sul Serengeti
    saluti

    • natangelo 20 Ottobre 2017 at 22:10 - Reply

      ma a me gli insetti mi fanno superschifo!

  2. tiz iano 20 Ottobre 2017 at 14:18 - Reply

    decisamente non sai disegnare gli artropodi

    • natangelo 20 Ottobre 2017 at 22:10 - Reply

      sì, in effetti. Non mi ero documentato

  3. ricco&spietato 20 Ottobre 2017 at 17:48 - Reply

    solidarietà con lo scorpione.

    ciò premesso, la stai a fa’ lunga. e non dire che le reazioni scandalizzate non le avevi previste – secondo me l’hai fatto apposta.

    [piuttosto, IMHO, la vignetta sul piano strettamente umoristico è scadente, almeno per i tuoi standard.

    (esticazzi me lo dico da solo)]

    • natangelo 20 Ottobre 2017 at 22:10 - Reply

      No, caro, Invece hai perfettamente ragione su tutto. Vero, la sto facendo lunga, è che nella tempesta degli ultimi 4 giorni ho cercato di contenermi (sono rissoso) per il mio motto preferito: calati giunco che passa la piena. Poi ho iniziato a rispondere. Ma prometto che basta. Inoltre, si è vero: sapevo perfettamente a cosa andavo incontro ed era calcolato sennò sarei o un incosciente o un incapace. Fare questo lavoro significa che pesi le parole e io le ho pesate. terzo, mi è toccato difendere da attacchi cretini quasi sempre le vignette più sciape ma la gente si offende per il tabù non per la qualità umortistica. Ciò detto, stavolta niente Esticazzi!

      • giovanni 21 Ottobre 2017 at 02:59 - Reply

        “Fare questo lavoro significa che pesi le parole e io le ho pesate.”
        AHA! Allora vedi che ammetti che la satira si debba contenere? 😀

        • natangelo 21 Ottobre 2017 at 08:16 - Reply

          Certo, ovvio che deve contenersi. Ma non come vogliono gli idioti, cioè limitarsi. Deve contenersi perché deve essere maneggiata con cura, come materiale esplosivo. Prendi polvere pirica e ne hai fuochi d’artificio o bombe a mano ma devi sapere perfettamente cosa stai facendo. Perciò le parole vanno pesate o ti esplodono in faccia

  4. Armando 21 Ottobre 2017 at 00:10 - Reply

    “Se io ho capito bene il tuo concetto significa che se io studiavo mi sarebbe piaciuto ll quadro con la sedia”. (dalla “diatrina” sull’arte moderna ne “il mistero di Bellavista” di Luciano de Crescenzo)

    PS: Se l’importante è far superare le cose brutte si spera che non diventi un lusso che possano comprendere in pochi.

  5. Luciano Botti 21 Ottobre 2017 at 10:26 - Reply

    si pero’ alla fine hai chiacchierato, chiacchierato e hai menato il cane per l’aia;
    allora; alberto manzi o serengeti (o serengheti? boh!)
    e nessuna altra divagazione, pls

    • Luciano Botti 21 Ottobre 2017 at 10:28 - Reply

      volevo dire angelo lombardi, ma anche un bel ripasso con alberto manzi non fa male a nessuno, me in primis

  6. FrancoK 1 Novembre 2017 at 12:45 - Reply

    Ciao Nat,
    volevo scriverti da tempo cosa ne pensava Dario Fo sulla satira, ma vedo che lo sai già.

    Penso che avesse ragione.

    Spero che lo pensi anche tu.

    Certo, ci sono altre cose oltre la satira, molte anche divertenti, ma, in caso di dubbi, la domanda chiave è:

    Prendo in giro una persona potente o un poveraccio?

    Nel primo caso è satira, nel secondo altro.

    Se un poveraccio scivola su una banana è divertente, ma non è satira.

    Con molto apprezzamento per il lavoro che fai. 🙂

beh?

Ultimi post