prayingforsatira

Lascia un commento!

prayforsatira-web


#prayingforsatira
#vergogna #terremoto #prayingforitaly– www.natangelo.it

Piccola spiegazione: ho disegnato questa tavola in risposta alle solite prevedibili polemiche su “satira e morti” che hanno infognato la rete dopo la mia vignetta pubblicata oggi in prima pagina su Il Fatto Quotidiano. (Questa) Dibattito comunque interessante, i cui toni vanno dalla morte augurata a me e ai miei familiari (accettabile) alle discussioni su quali siano i limiti della satira (questo proprio no).

by |Published On: 25 Agosto 2016|Categorie: nat show, satira, tavola|tag = , |10 Commenti|

10 Comments

  1. lachiamavanoserenab 25 Agosto 2016 at 13:52 - Reply

    praying

  2. Manuel 25 Agosto 2016 at 19:27 - Reply

    grande natangelo!

    ti dico la verità, aspettavo una vignetta sul tema e non mi sento minimamente offeso!

    preferisco mille volte vignette del genere a quella valanga di post idioti sull’amatriciana, prayforsticazzi, siamotuttistaminchia, screenshot prova del messaggino inviato al numerino magico e via dicendo..

    è ovvio che ognuno sia triste e afflitto dall’accaduto, ma qui si è persa del tutto la capacità di gestire la tristezza in modo personale e genuino.. migliaia di mezzeseghe perbeniste tutte a spellarsi le mani per esibire solidarietà e preghiere e gesùcristi, è una caccia alle streghe a chi non sbandiera la propria solidarietà sui social..

    ormai solo tu e spinoza tenete alto l’onore della satira, continua così che sei una bomba!!

  3. Lord Vltor 26 Agosto 2016 at 13:04 - Reply

    Ti dirò la stessa cosa che ho già postato sotto ad una pagina che criticava quella tua vignetta (e che non quoto perché #sticazzi, non la trovo più): tra quella pubblicata e l’originale di questa qui, mi piaceva di più l’originale di questa qui (quella pubblicata mi diceva poco-niente).
    Con questo merging, però, BOOM!, ti confermi un vignettista più che degno di essere seguìto: ‘vai così che è una figata!’ (cit.) ^-^

  4. Marcello 26 Agosto 2016 at 16:17 - Reply

    Premesso che considero (come ho già scritto una volta all’autore) da Pulitzer della Satira la vignetta con Bersani-faccia sulla sabbia come il piccolo migrante annegato, credo che, dal mio punto di vista, sia giunto il primo errore (Nat per fortuna è umano) di quello che è, credo indiscutibilmente, il disegnatore satirico più divertente che c’è. Questo perché (sempre a mio parere):
    1.Quella della morte e dell’amatriciana non è satira, non c’è un bersaglio da prendere in giro, a meno che non si volesse provocare quella categorie di persone che reputano inopportuno ridere su una disgrazia.
    2.A questo punto non mi sembra giusto aver criticato il post della giornalista de la 7 che magari era un po’ “simple mind” (con tutto il rispetto per Jim Kerr e soci), ma nemmeno il Mein Kampf.
    3.Quando sono morte le ragazze dell’Erasmus non hai fatto vignette come questa di cui si parla, anzi, probabilmente perché la cosa ti toccava più da vicino.
    Con immutata stima
    Marcello

  5. Titino il moderato 26 Agosto 2016 at 18:55 - Reply

    Ah anime belle, quando capirete che la Satira più è cattiva e più fa il suo dovere? Quando capirete che la Satira non deve guardare in faccia a nessuno? Pesta duro e tocca le vostre sensibilità? Bingo, ma non è mai abbastanza. Non c’è Madonna, morti o bambini che tengano…la Satira deve essere così, con licenza parlando “sangue e merda”. Se non vi piace, amen: c’è pur sempre Bruno Vespa

    • Marcello 26 Agosto 2016 at 21:55 - Reply

      Sangue e merda (on. Rino Formica, cit.) è un’espressione riferita alla politica. La satira è altra cosa. La satira mette alla berlina poteri, persone, morali che più forti sono e più la satira e coraggiosa. Chi sarebbero coloro che sono stati colpiti da questa satira? Le persone morte schiacciate sotto i mattoni? La vignetta della morte e dell’amatriciana è paragonabile alle barzellette sui bambini con la leucemia: sembrano divertenti finchè non le racconti a una persona che ha questo problema.

      • Titino il moderato 27 Agosto 2016 at 08:25 - Reply

        Lei riporta correttamente citazione, autore della suddetta e relativa interpretazione, che infatti io ho utilizzato con LICENZA PARLANDO (leggere e capire: non è così difficile). La sua interpretazione di cosa deve o non deve fare la satira è molto interessante. Peccato sia la sua e basta. A me Nat piace quando rompe gli schemi. Se urta la sensibilità anche delle anime belle, mi piace ancora di più.

      • Marcello 27 Agosto 2016 at 22:14 - Reply

        La mia interpretazione della satira è quella che è scritta sui vari dizionari…e comunque ciò che dice di me vale anche per lei. Chi lo dice che la satira è ciò che dice lei? Io sono un po’ all’antica: credi che sia inaccettabile augurare la morte a qualcuno e/o ai suoi familiari e credo che sia normale discutere civilmente dei limiti della satira….

  6. Synesthesy 26 Agosto 2016 at 20:30 - Reply

    Ti giuro che le prime quattro vignette mi hanno fatto effetto. Le ultime due mi hanno fatto ridere! E comunque, è giusto che tutto ciò non piaccia a tutti, se no non starebbe facendo bene il suo lavoro… “si lavora e si fatica per la legge dell’Ortica” [cit]…

  7. Nightmares | natangelo 6 Febbraio 2017 at 15:46 - Reply

    […] sulla satira [Perchè non dedicare un remake a questa tavola?] https://natangeloemme.wordpress.com/2016/08/25/prayingforsatira/ #earthquake #satira […]

beh?

Ultimi post