Leggi il nuovo diario di viaggio a fumetti!

Senza controllo

Lascia un commento!

25-agosto-2016

Senza controllo – da il fatto quotidiano – http://www.natangelo.it #terremoto #earthquake #unfollow

by |Published On: 25 Agosto 2016|Categorie: satira, vignetta|tag = , , |19 Commenti|

19 Comments

  1. prayingforsatira | natangelo 25 Agosto 2016 at 13:33 - Reply

    […] infognato la rete dopo la mia vignetta pubblicata oggi in prima pagina su Il Fatto Quotidiano. (Questa) Dibattito comunque interessante, i cui toni vanno dalla morte augurata a me e ai miei […]

  2. Anna 25 Agosto 2016 at 14:13 - Reply

    Non leggo i commenti. Mi pare una vignetta (battuta) troppo crudele,non ne capisco il valore.

  3. Luca 25 Agosto 2016 at 18:31 - Reply

    una vignetta che riflette perfettamente lo squallore che la persona che l’ha disegnata ha dentro.

  4. Paolo 25 Agosto 2016 at 19:25 - Reply

    Amara… Ma puo starci, alle volte l’ironia puo aiutare…

  5. Antonio Mercuri 26 Agosto 2016 at 10:39 - Reply

    Per nulla divertente , non fa riflettere …inutile .

  6. Andrea Floris 26 Agosto 2016 at 19:03 - Reply

    satira? non mi sembra, io lo chiamerei cinismo, ma comunque ognuno ha una visuale diversa dei limiti della decenza. Sinceramente…

  7. Synesthesy 26 Agosto 2016 at 20:27 - Reply

    Scrivo un po’ in ritardo… ma da persona cui è crollato un pezzo di liceo mentre c’era dentro (che non è un terremoto, ma comunque ci assomiglia), dico che questa vignetta è cattiva ma ci sta tutta. Non è “satira”, ma è una vignetta, comunica un sentimento, ci si potrebbero fare molte discussioni anche profonde, volendo. Non mi fa ridere, ma pensare sì. Non ci vedo nessun cattivo gusto, nessuna presa in giro verso morti o sopravvissuti, niente di tutto ciò. Una vignetta che ci sta, una forma di cordoglio e humor nero. A me piace.

  8. Stefania 2 Settembre 2016 at 12:50 - Reply

    Mi chiedo se sotto le rovine di Amatrice ci fosse rimasto uno dei suoi cari se avrebbe avuto la stessa voglia di fare satira.

    • Anonimo 3 Settembre 2016 at 13:23 - Reply

      Sempre la solita, banale, domanda. Quanto siete banali.

  9. Valerio Ricciardi 2 Settembre 2016 at 13:57 - Reply

    La battuta tecnicamente (secondo i criteri de “Il motto di spirito” di Freud) è centrata, eppure la vignetta non mi ha strappato neppure un accenno di sorriso amaro, nulla. No, non è riuscita. Nulla a che vedere col grave e gratuito sfottò macabro – e cattivo – di Charlie Hébdo, sia chiaro.
    Quello è cattivo e vile. Questa, una vignetta non riuscita, davvero molto scadente e sorprendente in un vignettista che di norma apprezzo molto..

  10. Ignotius 2 Settembre 2016 at 14:35 - Reply

    Il problema di questa vignetta è semplicemente che è banale.

  11. Anonimo 2 Settembre 2016 at 19:33 - Reply

    E’ una vignetta… quanto la fate lunga!

  12. Umberto Cristiano 2 Settembre 2016 at 21:41 - Reply

    A me è sembrata delicata… come se la morte stessa fosse dispiaciuta di tutto quanto è successo.

    Non capisco molto i commenti negativi, se una cosa non mi piace non la guardo…

  13. gimmy 3 Settembre 2016 at 09:57 - Reply

    questa vignetta non fa ridere, fa accapponare la pelle; se la funzione della satira è quella di colpire i potenti e i disonesti, allora è inutile. ognuno fa il suo mestiere e si esprime col suo linguaggio, ma in questi casi di catastrofi sarebbe meglio tacere e rimboccarsi le mainche, tutti ognuno come può.

    • natangelo 6 Settembre 2016 at 11:53 - Reply

      Tipo commentando una vignetta?

  14. Franco 3 Settembre 2016 at 12:15 - Reply

    bruttina…

  15. Francesco Gronchi 6 Settembre 2016 at 09:32 - Reply

    Caro nat. Scrivo tardi perché non mi ero nemmeno posto il dilemma della scorrettezza….La vignetta di amatrice mi ha fatto ridere e molto. Hai tutta la mia solidarietà per l’aggressione subita ingiustamente. ….fai il tuo lavoro e la fai molto bene. Ti seguo da sempre.

    Con stima

    Francesco

beh?

Ultimi post