indefinita

Home»Articoli»indefinita

Casino scuola [repost]

Lascia un commento!

Questa mia vignetta pubblicata da Il Fatto Quotidiano lo scorso 3 dicembre è ancora piuttosto attuale

#covid #scuola #dad #conferenzastampa #vignetta #fumetto #memeitaliani #umorismo #satira #humor #natangelo

Di |2022-01-11T10:49:27+02:0011 Gennaio 2022|Categorie: indefinita|2 Commenti

Il natale più difficile del mondo [repost]

Lascia un commento!

Che ne dite di un repost natalizio? Eccovelo!

La verità sul Natale più difficile del mondo. Questa tavola è stata pubblicata nel 2017 da Il Fatto Quotidiano, perciò niente covid né vaccini ma tanto il Natale a Napoli sempre questo è. Clic al link qui sotto

#natale #25dicembre #napoli #buonnatale #vignetta #fumetto #memeitaliani #umorismo #satira #humor #natangelo

Di |2021-12-25T09:29:43+02:0025 Dicembre 2021|Categorie: indefinita|4 Commenti

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – Ultima puntata

Lascia un commento!

Ultima puntata – Ho visto un re

Ed eccoci qui, siamo arrivati all‘ultima puntata de “Le meglio vignette de I Peggio Stronzi“, la gallery che raccoglie tutte le vignette di cui parlo nel mio ultimo libro senza vignette (qui trovate tutte le puntate precedenti): è stato un lavoro molto corposo, ma spero sia stato (o sarà) utile a chi ha letto (o leggerà) il libro. Perchè mi sono sobbarcato questa fatica? Per due ragioni. La prima, perchè molti lettori lamentavano il dover andare a cercare sul web le vignette di volta in volta. La seconda, per far conoscere di più il libro e magari far venire voglia a qualcuno di leggerlo o di regalarlo (il periodo di Natale non è casuale: andate in libreria o ordinatelo qui). Non so se sono riuscito in entrambi o almeno uno solo dei miei intenti. Se così fosse, Evviva! ne è valsa la pena. Diversamente, come quando si finisce un libro e lo si ripone su uno scaffale, chiudiamo e riponiamo su uno scaffale anche questo lavoro. Ma ora basta chiacchiere e lanciamoci sul capitolo 7, dal titolo “Il Re è nudo”. Stavolta lasciamo l’Italia e via racconto una storia, una brutta storia di censura, ambientata in Spagna. Una storia che ho potuto toccare con mano. Ovviamente, se volete saperne di più, non vi resta che leggere il libro! E ora, via alla gallery. (altro…)

Di |2021-12-20T14:00:58+02:0020 Dicembre 2021|Categorie: indefinita|3 Commenti

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – puntata 6

Lascia un commento!

Le meglio vignette de I Peggio Stronzi – introduzione

 

Clicca qui per ordinare il libro

A fine settembre 2021 ho dato alle stampe un libro dal pretenzioso titolo “i peggio stronzi – la mia guerra quotidiana tra satira, giornalismo e politica” (Piemme editore) (lo trovate in tutte le librerie e se non avete librerie nei dintorni anche a questo link  su amazon). Non si tratta di un libro disegnato ma di un libro (non so in che altro modo definirlo) ‘scritto‘: in pratica, non c’è nemmeno una vignetta, un’immagine, un santino, uno scarabocchio. Niente! Parole dietro parole su parole.
Nelle 230 pagine date alle stampe spesso descrivo vignette, anche non mie, che sarebbe stato utile al lettore poter vedere stampate. Quindi ho pensato di raccoglierle ora qui: una gallery a puntate – capitolo per capitolo – di tutte le vignette di cui racconto nel libro. Così da aiutare chi lo ha letto e magari far venire voglia di leggerlo a chi ancora non lo ha fatto.
Se avete letto il libro e vi è piaciuto fate passaparola, lasciate recensioni in giro (qui su amazon, se volete), regalatelo per natale a chi vi sta simpatico o vi sta sul culo. Io non ci guadagno niente, sia chiaro: le mie quote sulle vendite sono francamente ridicole nè campo con i libri. No.

Facciamolo per guastare il natale alla gente.

E, adesso, via alla gallery. A questo link potrete trovare tutte le puntate, via via che saranno caricate.

Un’avvertenza importante: questa raccolta è per chi ha letto o sta leggendo il libro, per gli altri può risultare difficile cogliere il filo che lega le vignette tra loro. Altra avvertenza, per i lettori: molti lamentano che nella versione kindle le note al testo – che andrebbero lette “contestualmente al testo” e sono la parte più importante del libro – sono spostate alla fine di ogni capitolo, rendendone difficile la lettura. Regolatevi.

 

Puntata 6 – Cherchez la gaffe

Eccoci alla penultima puntata di questa lunga cavalcata! Oggi raccogliamo le vignette e le foto del capitolo 6 del mio libro “I peggio Stronzi” (qui per ordinarlo online e qui per rivedere tutte le vignette finora raccolte), dal titolo “L’uomo del ponte”. Anche chi non ha letto il libro potrà, sbirciando le foto nella gallery, indovinare chi è uno dei protagonisti principali di questo racconto ma devo dire che è un capitolo in cui si intrecciano così tante storie che spero di essere riuscito a dipanare i fili senza perdermi il lettore per strada. Ma ora veniamo al dunque e passiamo alla gallery. (altro…)

Di |2021-12-18T18:53:18+02:0018 Dicembre 2021|Categorie: indefinita|3 Commenti

Tu la conosci Zuzu?

Lascia un commento!

Da Il Fatto Quotidiano, 11 novembre 2021

C’è un film che si intitola ‘Tu la conosci Claudia?’ del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo. Ruota intorno a una certa Claudia e agli equivoci che nascono quando le identità si confondono. Ecco, leggendo le avventure sentimentali di Claudia in Giorni Felici – l’ultimo romanzo a fumetti di Zuzu (nome d’arte di Giulia Spagnulo, salernitana classe 1996) edito da Coconino-Fandango – quella domanda, “Tu la conosci, Claudia?”, risuona in testa come il rintocco di una campana. Regolare, a ogni pagina. Ma stavolta l’identità confusa non genera equivoci divertenti come al cinema: la storia di Claudia è una storia affilata e puntuta come i personaggi che disegna Zuzu, che si arricciano in mille rivoli come quelli di Altan.
Giorni felici è il racconto di una ragazza di cui sappiamo solo che ha tra i 25 e i 30 anni e che si sta preparando per un provino teatrale (la celebre opera di Samuel Beckett che dà il titolo al libro: Giorni felici). Non è una creatura definita, Claudia, ma si trasforma continuamente: è una sfinge e poi una bestia zannuta, si ferisce con i suoi stessi artigli, si accarezza la coda, fa sesso, beve, sanguina, vomita e poi le spuntano le ali e vola via con un bacio. E i personaggi che le ruotano intorno, amori vecchi e nuovi, restano a guardarla senza capire: “Tu la capisci Claudia?”.
Zuzu prende i sentimenti – quelli in purezza, assoluti dei venti-trent’anni (“È più facile amare alla tua età”, dice uno dei personaggi secondari alla protagonista) – e ce li racconta in presa diretta usando pastelli e matite per 500 pagine, con vignette quadrate e regolari, quasi tutte delle stesse dimensioni, come la scansione di un metronomo che cambia solo in alcune pagine, quando il cuore di Claudia si espande troppo o quando si contrae all’estremo diventando tutto nero. Qual è il confine tra Claudia e Zuzu? Seguendo l’autrice sui social (su Instagram è @sono.zuzu) la vedrete ridere, ballare, disegnare, truccarsi, colorarsi i capelli con nuance simili a quelle di Claudia nel fumetto. Zuzu è uguale a Claudia, e infatti cambia continuamente.
Dopo Cheese (Coconino-Fandango, 2019), il suo romanzo d’esordio che ha fatto incetta di qualsiasi premio il mondo del fumetto abbia in vetrina, non era facile riuscire a stupire ancora i lettori. Ma Zuzu lo ha fatto e lo farà di nuovo, spalancando le ali e librandosi in aria dopo un bacio troppo forte.

Di |2021-11-18T17:09:18+02:0018 Novembre 2021|Categorie: indefinita, recensione|0 Commenti
Torna in cima