In edicola, una storia complicata

Lascia un commento!

Solo due disegnatori, dopo la morte di Hugo Pratt, hanno messo le mani su Corto Maltese. Uno di questi è Bastien Vives: ha 38 anni, é un gigante del fumetto e questa di Corto non è nemmeno la tappa principale della sua carriera. Vives è Maradona con il pennino in mano e se avete letto un suo libro lo sapete. E allora com’è che su questo talento – finora celebratissimo – la Francia si sta spaccando e contro Vives si è sollevata un’indignazione che – nella terra abituata a Charlie Hebdo – fa traballare grandi editori e costringe lo storico festival di Angouleme a cancellare (pardón, “deprogrammare”) una mostra dedicata al fumettista. Pedopornografia, pedofilia, violenza: Vives è impazzito? sono impazziti quelli intorno? O le due cose si sommano in un inedito corto circuito? Su Il Fatto Quotidiano oggi in edicola provo a ricostruire questo caso complicato, episodio per episodio, fin dall’inizio.
Una storia che ruota intorno a libertà d’espressione, limiti giuridici, questioni di genere e politicamente corretto fino alla domanda delle cento pistole: quale sia lo scopo, il senso vero, quello più profondo, dell’arte.
Oggi, sul Fatto.

#bastienvives #fumetto #natangelo

by |Published On: 24 Dicembre 2022|Categorie: news|tag = |1 Commento|

Falla girare!

One Comment

  1. Cosimo Epicoco 24 Dicembre 2022 at 11:50 - Reply

    Il lettore giudicherà! La censura non serve.E allora leggiamo! Siam mica qui con la matita rosso/blu a correggere i vignettisti o i caricaturisti!

beh?

Ultimi post