Tu la conosci Zuzu?

Lascia un commento!

Da Il Fatto Quotidiano, 11 novembre 2021

C’è un film che si intitola ‘Tu la conosci Claudia?’ del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo. Ruota intorno a una certa Claudia e agli equivoci che nascono quando le identità si confondono. Ecco, leggendo le avventure sentimentali di Claudia in Giorni Felici – l’ultimo romanzo a fumetti di Zuzu (nome d’arte di Giulia Spagnulo, salernitana classe 1996) edito da Coconino-Fandango – quella domanda, “Tu la conosci, Claudia?”, risuona in testa come il rintocco di una campana. Regolare, a ogni pagina. Ma stavolta l’identità confusa non genera equivoci divertenti come al cinema: la storia di Claudia è una storia affilata e puntuta come i personaggi che disegna Zuzu, che si arricciano in mille rivoli come quelli di Altan.
Giorni felici è il racconto di una ragazza di cui sappiamo solo che ha tra i 25 e i 30 anni e che si sta preparando per un provino teatrale (la celebre opera di Samuel Beckett che dà il titolo al libro: Giorni felici). Non è una creatura definita, Claudia, ma si trasforma continuamente: è una sfinge e poi una bestia zannuta, si ferisce con i suoi stessi artigli, si accarezza la coda, fa sesso, beve, sanguina, vomita e poi le spuntano le ali e vola via con un bacio. E i personaggi che le ruotano intorno, amori vecchi e nuovi, restano a guardarla senza capire: “Tu la capisci Claudia?”.
Zuzu prende i sentimenti – quelli in purezza, assoluti dei venti-trent’anni (“È più facile amare alla tua età”, dice uno dei personaggi secondari alla protagonista) – e ce li racconta in presa diretta usando pastelli e matite per 500 pagine, con vignette quadrate e regolari, quasi tutte delle stesse dimensioni, come la scansione di un metronomo che cambia solo in alcune pagine, quando il cuore di Claudia si espande troppo o quando si contrae all’estremo diventando tutto nero. Qual è il confine tra Claudia e Zuzu? Seguendo l’autrice sui social (su Instagram è @sono.zuzu) la vedrete ridere, ballare, disegnare, truccarsi, colorarsi i capelli con nuance simili a quelle di Claudia nel fumetto. Zuzu è uguale a Claudia, e infatti cambia continuamente.
Dopo Cheese (Coconino-Fandango, 2019), il suo romanzo d’esordio che ha fatto incetta di qualsiasi premio il mondo del fumetto abbia in vetrina, non era facile riuscire a stupire ancora i lettori. Ma Zuzu lo ha fatto e lo farà di nuovo, spalancando le ali e librandosi in aria dopo un bacio troppo forte.

by |Published On: 18 Novembre 2021|Categorie: indefinita, recensione|0 Commenti|

Falla girare!

beh?

Ultimi post