La triste realtà

Lascia un commento!

23-giugno-2020
Tornare alla triste realtà – la mia vignetta per Il Fatto Quotidiano oggi in edicola! #statigenerali #covid19 #coronavirus #conte #dimaio #zingaretti #elisa #tornatore #fumettiitaliani #vignetta #fumetto #umorismo #satira #humor #natangelo

by |Published On: 23 Giugno 2020|Categorie: indefinita, satira, vignetta|tag = , , |8 Commenti|

8 Comments

  1. Anonimo 23 Giugno 2020 at 15:37 - Reply

    Conte Conte è quasi alla frutta.
    Vogliamo esprimere lo sdegno ( con adeguata vignetta ) contro i coglioni che , negli States, incominciano a prendersela con le rappresentazioni sacre che dipingono Dio e Cristo BIANCHI. Dobbiamo attendere che distruggano la cappella Sistina? Anche perché il Bergoglio certo gli darà ragione….. .

    • Armando 23 Giugno 2020 at 21:38 - Reply

      L’ex predicatore il cui pensiero scomposto è stato raccattato e diffuso dai media probabilmente finge di non sapere che la bibbia contenga parecchi riferimenti allo schiavismo e sembra volutamente trascurare l’eterogeneità di etnie nelle raffigurazioni cristiane.

      Ogni artista sceglie l’etnia che più gli aggrada e non c’è solo la versione caucasica, anche se i gusti di alcuni committenti potrebbero essere stati sovrarappresentati per motivi storici e socioeconomici.

      PS: il motore del blog è allergico a wikipedia e m’ha bruciato un commento quindi stavolta sono stato breve.

      • Anonimo 24 Giugno 2020 at 04:32 - Reply

        Viva Wikipedia.
        Per dire cazzate bastano poche parole.

        • Armando 24 Giugno 2020 at 08:52 - Reply

          Mi fido dell’esperto, quello che ha predetto sciagure per la cappella sistina.

          • Anonimo 24 Giugno 2020 at 09:35 - Reply

            Era un’iperbole, ma capisco sia difficile da capire per un ixxxxx.

            • Armando 24 Giugno 2020 at 09:57 - Reply

              Come volevi dimostrare hai scritto iperbole senza scomodare wikipedia, o vate Cazzandra. 😛

    • Armando 23 Giugno 2020 at 22:47 - Reply

      Prendersela col colore di un’opera d’arte è un pretesto per prendersela con le etnie storicamente avvantaggiate che le hanno commissionate dietro la scusa dell’inaccuratezza della rappresentazione.

      Ogni artista ha scelto il colore e l’etnia che preferiva. Esistono già raffigurazioni con etnie differenti ma negli USA per fattori storici e socioeconomici alcune etnie potrebbero essere sovra-rappresentate.

      Il fatto ironico è che le raffigurazioni della divinità non erano previste nel culto (ebraico) di origine e nella storia del cristianesimo c’è stato un gruppo di invasati (gli iconoclasti) che voleva annichilire tutte le icone a prescindere dal colore.

      https://en.wikipedia.org/wiki/God_the_Father_in_Western_art
      https://en.wikipedia.org/wiki/Aniconism_in_Judaism

      Insomma persone che trovi culto e usanze che hai.

      PS: Quel invasato predicatore probabilmente ignora volutamente che la Bibbia includa parecchi riferimenti alla schiavitù…

      «Non desiderare la casa del tuo prossimo… né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo». (Es. 20,17). [parte poco nota dei dieci comandamenti]

  2. ricco, spietato e ostracizzato 23 Giugno 2020 at 16:39 - Reply

    beh ma ha fatto anche del bel (quantomeno a me piacque) cinema, su.

beh?

Ultimi post