Leggi il nuovo diario di viaggio a fumetti!

Molta gente mi ha chiesto di candidarmi

Lascia un commento!

Molta gente mi ha chiesto di candidarmi #satira #politica #vignettista #switch #natangelo

by |Published On: 8 Gennaio 2018|Categorie: nat show, satira, tavola|tag = , , , |32 Commenti|

Falla girare!

32 Comments

  1. Anna 8 Gennaio 2018 at 09:48 - Reply

    Volgarissima!

    • natangelo 8 Gennaio 2018 at 16:09 - Reply

      volutamente e con coscienza

      • miloscooter 8 Gennaio 2018 at 19:32 - Reply

        io l’ho letta stamattina, mi ha fatto ridere, pero’ arrivato alla fine mi ha lasciato un po’ sconcertato. mi sono domandato il motivo di tanta crudezza/volgarita’. e sinceramente non l’ho capito.
        sono tornato su questa pagina varie volte a leggere i commenti, magari capivo di piu’.
        l’ho rivisitata stasera. una spiegazione mi e’ venuta in mente solo ora. che questa storia di cercare di tirare Nat da una parte o dall’altra di uno schieramento politico gli ha veramente rotto il cazzo e non si e’ piu’ retto.
        e’ cosi’?

        • natangelo 8 Gennaio 2018 at 22:33 - Reply

          Rino Formica disse che ‘la politica è sangue e merda’. Il sangue, non so, forse all’epoca di Formica ne scorreva di più, per ragioni politica. La merda, invece, è cresciuta a dismisura.

        • saverio 9 Gennaio 2018 at 09:00 - Reply

          credo che la vignetta sia un caso di strategia dell’opossum inscenato da Nat per evitare di essere appetibile. L’opossum scovato da un predatore non solo si finge morto ma anche emette una bava verde pestilenziale. Chi se lo metterebbe in lista un opossum?

  2. Anonimo 8 Gennaio 2018 at 09:59 - Reply

    Un altro capolavoro di Nat con la nascita di un nuovissimo genere: la porno satira antipolitica.
    Adesso la candidatura agli Oscar della satira. Grande Nat.

    • natangelo 8 Gennaio 2018 at 16:10 - Reply

      ah! pensa che bella sarebbe la serata di questi oscar

      • Anonimo 9 Gennaio 2018 at 16:46 - Reply

        Beh, saresti acclamato e applaudito per almeno un’ora ininterrottamente, però con un poco di malinconia per la scarsità di concorrenti all’altezza

  3. Maria Grazia 8 Gennaio 2018 at 10:53 - Reply

    PREPARATI AD ESSERE UN SIGLE PER MOLTO, MOLTO, MOOOLTO TEMPO…….

  4. Antonio 8 Gennaio 2018 at 11:37 - Reply

    Nessuno è perfetto: anche i Beatles hanno fatto “What goes on”.
    Mi chiedo se l’hai disegnata e postata in stato di alterazione (overdose di insalata di rinforzo ?) e allora sei scusato.
    Se invece l’hai fatto a sangue freddo…beh, anche Daniele Luttazzi che mangiava merda e beveva sperma per scandalizzare la platea era poco divertente e neppure originale (non a caso scopiazzava gli americani).

    • Caio 8 Gennaio 2018 at 12:01 - Reply

      mah secondo me il messaggio è chiaro:
      vignetta 3: non puoi piu tornare di la se sei pieno di merda…..
      giudizio sintetico e aderente al mondo di sentire la politica di molti…

      • Antonio 8 Gennaio 2018 at 12:19 - Reply

        Si, alla fine dice “comunque non si swithca” e il messaggio pare quello.
        E’ solo il modo di dire le cose che a qualche vecchio bacchettone come me può sembrare “volgarità gratuita”.
        Ma visto che di gratuito non ti danno mai un cazzo, va bene così.

        • Caio 8 Gennaio 2018 at 14:40 - Reply

          Concordo, a volte la volgarita puo sembrare gratuita ma sottolinea.
          Confesso pubblicamente che fino alla veneranda età di 22 anni non ho mai usato una “parolaccia” in pubblico. All’università ero noto tra l’altro per il mio eloquio forbito e mai sopra le righe. Ricordo ancora la prima volta che ho usato una parolaccia. Ero alla libreria uiversitaria con un po di colleghi a comprare il volume indispensabile al superamento di elettronica 1, prima traduzione di un testo americano. prezzo: 3 volte il prezzo dell’edizione originale. Quando davanti alla commessa sentito,il prezzo (75.000 milalire contro le 27 milalire della versione in inglese) mi è esploso da dentro l’anima un “ECCHECAZZO!” …. Silenzio di tomba improvviso tra i miei colleghi sbigottiti, resto del vociare che piano piano si spegne tutti che mi guardano… la ragazza che confusa biascica “eh ma sai noi lo rivendiamo, il prezzo non lo mettiamo noi”.
          E io “Scusi, prendo quello in inglese”. Il buono è che ho imparato a leggere l’inglese….

        • Antonio 8 Gennaio 2018 at 16:17 - Reply

          volevo scrivere swic…suicct…switahc…ma vavanguuulo !

    • natangelo 8 Gennaio 2018 at 16:12 - Reply

      credo che in alcuni casi, e mi darai atto che non sono frequenti per me, si possa. Anche se la chiave del tutto è secondo me nell’autocensura con una faccina vergognosa e soprattutto sulla ‘censura’ esterna della telefonata che fa capire come chi parla abbia definitivamente perso il controllo del discorso e il senso della misura

      • Antonio 8 Gennaio 2018 at 16:27 - Reply

        Ok, ma non so se avrai il coraggio di far vedere questa tavola a tua mamma.

        • natangelo 8 Gennaio 2018 at 16:33 - Reply

          purtroppo le legge, maledetto internet

  5. piero 8 Gennaio 2018 at 12:15 - Reply

    Minkhia! Questa è tosta come l’acciaio!!!
    Capiamoci: rende benissimo l’idea di ciò che intendi, però.. minkhia!
    Onore all’assenza di perbenismo, Nat!

    • natangelo 8 Gennaio 2018 at 16:10 - Reply

      alle volte, non sempre, si può e si deve

  6. Ermanno 8 Gennaio 2018 at 12:21 - Reply

    Non è che mi sia piaciuta tantissimo oppure non l’ho capita.
    Forse che fare politica è come finire nella merda?

  7. Titino il moderato 8 Gennaio 2018 at 12:22 - Reply

    Metafora di rara finezza, che sono certo sarà apprezzata soprattutto dalle donne lettrici.
    Quindi, tanto per cambiare, sei il solito sessista del cavolo 😀

  8. degiom 8 Gennaio 2018 at 12:44 - Reply

    Devo ammettere che sei riuscito a sorprendermi: accipicchia quanto sei stato scurrile Nat!

    Temo che le caste orecchie di molte tue lettrici non te lo perdoneranno MAI [anche se (forse) giusto le orecchie di casto gli sono rimaste e, rileggendo di nascosto la tua volgarissima strip, tireranno un nostalgico, impudico sospiro ad ogni passaggio più hard] … ;-D

    • natangelo 8 Gennaio 2018 at 16:10 - Reply

      però mi sono autocensurato in modo buffo

  9. Anonimo 8 Gennaio 2018 at 13:39 - Reply

    Grande vignetta Nat !!! peccato non sia una metafora del popolo italiano..che dopo averlo preso nel culo dalla politica è sempre pronto a dimenticare di essere stato sodomizzato

  10. ricco&spietato 8 Gennaio 2018 at 18:01 - Reply

    ma che te frega, carpe diem. poi dopo un paio di legislature ti siedi in un paio di consigli di amministrazione e stai a posto.

    …o vuoi continuare coi pupazzetti tutta la vita? guarda vauro com’è ridotto.

    • ricco&spietato 8 Gennaio 2018 at 18:03 - Reply

      (quanto alla parabola in sé: c’è un detto che sancisce “ben lavata ed asciugata non sai mai chi l’ha addoprata” ed è evidentemente unisex)

  11. Anonimo 9 Gennaio 2018 at 04:51 - Reply

    Grande Nat!
    La vignetta fa ridere, ricorda un po’ le battute triviali di alcuni comici americani, un po’ come per luttazzi.

    Daniele

  12. Dedication 22 Marzo 2021 at 18:26 - Reply

    Non te ne freghera’ nulla, ma questa e’ una delle mie preferite di sempre.
    Non solo perche’ condivido completamente il messaggio del “non si switcha” ma anche per lo stile atipico.

    Magari non e’ particolarmente ironica, ma e’ un “nonmirompeteilcaxxo” di notevole fattura.

    Tuo, D.

    • natangelo 23 Marzo 2021 at 07:33 - Reply

      È una delle poche cose che continua a piacermi anche a distanza di tempo. Come mai la ripeschi?

      • Dedication 23 Marzo 2021 at 16:14 - Reply

        Non ho capito, mi sa che mi sono perso una puntata.

        O mi hai confuso con degiom?

  13. natangelo 30 Giugno 2021 at 09:08 - Reply

    Bello scherzo, ora togli il numero del LaTuaBionda?

beh?

Ultimi post