La satira spiegata da un poliziotto a suo figlio

Lascia un commento!

 

Il coordinatore nazionale reparti mobili FSP della Polizia di Stato, Pasquale Alessandro Griesi, ha scritto una lettera al giornalista Nicola Porro. Nella lettera racconta di una chiacchierata avuta con suo figlio. Chiacchierata a proposito della mia vignetta (già querelata dai colleghi sindacalisti del SAP).

Io, come sempre, non commenterò nulla del testo. Vi metto il link alla lettera completa. Tenete presente che non ho modificato nulla del testo (eccetto i tagli, evidenziati nei punti in cui sono avvenuti, e i neretti, che sono miei) e che tutte le virgolette sono opera dell’autore.

Ecco la lettera:

[…] Un bel giorno mio figlio (6 anni) utilizzando un dispositivo elettronico, vede la vignetta di “Natangelo”, dove un poliziotto del reparto mobile con “casco” indossato e “manganello” in mano, massacra un ragazzino intento a chiedere il “dolcetto o scherzetto ” […]
Ed è così che l’articolo 21 della Costituzione più bella del mondo, l’articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e l’articolo 10 della della Cedu, fanno davvero pensare se tutto sia davvero lecito e se quello che un tempo era “buon costume” sia ancora una regola della “buona” attività di informazione!
Per farla breve, mio figlio mi chiede il perché di tutto quel sangue, il perché è stato disegnato un ragazzino massacrato da un poliziotto.
Con non poco imbarazzo, senza sottrarmi ai doveri di padre, di cittadino, di poliziotto e sindacalista, ho dovuto spiegare a mio figlio che nella vita purtroppo dovrà confrontarsi con persone che la pensano diversamente da noi, che ogni testa è un mondo diverso e che tutte queste teste fanno parte della “società”.
[… ] purtroppo “Natangelo” che sino a ieri non sapevo chi fosse, evidentemente ha un pensiero distorto di società, ho dovuto spiegare al mio bambino che la polizia non va in giro a picchiare la gente, che i poliziotti ormai quasi tutti “quarantenni e cinquantenni” sono padri, mariti, cittadini, non massacrano bambini ma continuano nonostante il vignettista ad aiutare chi ha bisogno e cercano di fare il possibile a volte con sacrifici personali[…]
Questa era diventata la nazione di chi pensa di marchiare i rappresentanti delle forze dell’ordine e non isolare i manifestanti violenti, questa è la nazione dove si preferiva premiare chi va contro le regole e punire chi garantisce la pubblica sicurezza, i cittadini ora sono più consapevoli, hanno contezza di ciò che è!
Non so se mio figlio abbia compreso questa chiacchierata così complessa, anche perché alcune “teste” che dovrebbero comprendere, non vogliono farlo, non gli conviene ascoltare, sicuro alla fine mi ha detto che “non tutti i disegni sono belli e questo in particolare è da cestinare, racconta falsità!”.

Questa era la lettera. Ringrazio Pasquale Alessandro Griesi, Coordinatore nazionale reparti mobili FSP Polizia di Stato, per il contributo. Ora i titoli di coda.

by |Published On: 7 Novembre 2022|Categorie: news|12 Commenti|

Falla girare!

12 Comments

  1. Cosimo Epicoco 7 Novembre 2022 at 15:09

    Se io avessi un figlio come quel degno poliziotto, intanto gli spiegherei che non tutti i giornalisti sono uguali! Così come le pastasciutte! Poi gli spiegherei che la satira è come un diplomatico (figliuolo il diplomatico è quella persona che deve dire che il governo che rappresenta è un cesso! Ma lo dirà così:” Il mio governo è stanco di raccogliere i residui della digestione!” La satira invece dirà o disegnera’ i componenti del governo nel gabinetto del primo ministro! Ma gabinetto proprio! Magari con water alla turca! Mi spiego figliolo?

  2. SonOfaBit 7 Novembre 2022 at 15:38

    Oppure può mostrare al bambino le riprese video della scuola Diaz, e poi spiegargli che quei ragazzi massacrati non erano delinquenti o terroristi e che non solo la polizia era “andata in giro a picchiare la gente” ma che aveva architettato il blitz proprio per pestare i ragazzi, producendo false prove che giustificavano l’intervento.

    Giusto per discettare di verità e falsità.

    • Titty Drew 7 Novembre 2022 at 17:26

      Ecco, questo commento avrei voluto scriverlo io.
      Mi hai tolto le parole dalla tastiera.
      Orco Diaz.
      👍

  3. Massimo 7 Novembre 2022 at 16:14

    Mi dispiace caro Natangelo, ma questa proprio non te la perdono. Un’anima innocente rovinata per sempre, spero un giorno tu potrai realizzare quanto danno tu abbia fatto….

    …convincendomi ad aprire il link al sito di quell’esaltato protofascio! Mesi di analisi, MESI!!!
    Senza considerare che ora ho sulla coscienza il fatto di aver generato un contatto su quella pagina, aumentandone il rating SEO….

  4. Cosimo Epicoco 7 Novembre 2022 at 17:00

    SonOfaBit: oppure raccontare al piccino di quel tal Cucchi pestato a morte da due pseudo carabinieri con le emorroidi infiammate! Ma che per coprire i quali si sono scomodati fior di generaloni fino al lambire il comando generale.Anche lì il vignettista disegnerebbe due carabinieri appunto con le emorroidi infiammate veramente! Il diplomatico risponderebbe come rispose il generale al P.m. Musaro’: “consigliere: mi risulta che ha rifiutato il fotosegnalamento…”

  5. Conte Valerian 7 Novembre 2022 at 18:17

    Hehehe… Quentin Inventino.
    Anche io lo penso, che sta storia è la classica invenzione a uso e consumo dei media.

    • Turiddu Von Wasselwitz 7 Novembre 2022 at 18:23

      Massì, anche perchè i figli cellularizzati hanno due età: quella in cui giocano a SuperPinball-PeppaPig oppure quella in cui chattano sui social su cosa fare stasera e con chi. Non è che stanno lì a leggere il fatto quotidiano.

  6. jesusunderthebridge 7 Novembre 2022 at 18:34

    Preferivo i celerini che ti disintegravano le rotule a suon di manganellate e fiera onestà intellettuale.

  7. Doc Brown 8 Novembre 2022 at 09:51

    Vabbè, stiamo parlando di porro. Non lo prendono sul serio neanche i parenti stretti.

    • Cosimo Epicoco 8 Novembre 2022 at 10:15

      Ma no! Fa solo parte di quella categoria di giornalista tipo Feltri,il cagnetto, come si chiama? A sì Giordano… d’altronde c’è la pasta al burro,ma anche le orecchiette con il sugo di braciola e tanto cacioricotta!

  8. M.R. 8 Novembre 2022 at 12:26

    Le tue vignette “raccontano falsità”??? Vuol dire che Letta non è andato alla manifestazione della pace col carro armato??? Noooo, ma ddaiii!1!

    • Cosimo Epicoco 8 Novembre 2022 at 16:08

      Le vignette non raccontano falsità! Raccontano la verità in modo pazzo! Possiamo mai stare ad ascoltare un pazzo?

Ultimi post